• Pubblicata il:
  • Autore: Incantato
  • Pubblicata il:
  • Autore: Incantato

Chi vince, chi perde?


Non è la prima volta che entro qui, ma di solito ci vengo più tardi, verso mezzanotte o anche dopo, e allora i clienti sono tanti, la musica impazza le ragazze già in pista, belle e quasi nude, ballano senza tregua e vorresti già stringertele addosso, senza più lasciarle senza più smettere…Oggi invece è diverso, sono l’unico cliente e le ragazze non ci sono ancora. Dev’essere un trucco del locale, apre alle dieci e mezza ma gli streap iniziano solo alle undici, così magari bevi subito e poi, quando offri alla ragazza, paghi la seconda volta: ma io non ci casco, non vinceranno. Già, chi vince, chi perde in sere come queste? Perdo io, vince il mio desiderio, o vinco perché lo accetto? Cosa cerco davvero, in questo posto? Voglio una donna che mi ascolti per un po’, un corpo da stringere? Certo comunque che visto così il locale è un po’ strano, immenso e vuoto. Passando in bicicletta ho visto dei camion e delle macchine fermarsi, da lì sono scese ragazze con una borsa, le spogliarelliste che si saranno fatte accompagnare al posto di lavoro. È ridicolo emozionarsi per questo, incantarsi pensando quasi a un libro di fiabe dove d’improvviso arrivano le fate, pronte a vincere il buio e a illuminarti il corpo, l’anima? Ancora con questa distinzione, così vecchia, così superata, come se corpo e anima non fossero intrecciati – è per vincere il tempo che sono qui, per non sentirmi vecchio? Chi vince, chi perde?

Lo speaker annuncia le ragazze, c’è anche lei, bellissima il costume a pois, mi riconosce sorride, adesso non sono solo c’è anche un altro uomo, anzi altri due, io giro lo sguardo e di tanto in tanto torno a lei. Non vorrei fare privè però sono entrato qui, in fondo sapevo di volerlo fare, forse cerco solo di resistere un po’ come in un gioco di seduzione, chi vince se chiamo l’addetto e la prenoto, o se le offro una bibita o esco d’improvviso dopo averla salutata con lo sguardo? La musica è sempre più forte, le ragazze stanno togliendo il reggiseno. Vicino a me balla una bionda, ha un corpo stupendo, ma non posso farle questo, non posso fare privè con un’altra, non subito almeno…Sono perfido eh? Ma tanto lo so che andrò da lei, anche se la bionda ha uno sguardo da porca le metterei le mani dappertutto, e dopo me le farei mettere o mi farei mettere la bocca, le bocche quella della bionda e quella di lei…Mi sta diventando quasi duro, lo sento nei pantaloni, così chiari che devo stare attento a non venire troppo, è estate e si potrebbe notare, se no perdo la partita coi miei capiscono tutto appena rientro…E poi lei, lei che ho visto ieri e rivedrò domani, le ho detto ti amo qualche mese fa, che fatica riuscire a risentirla non la trovo mai, anche se spesso finiamo per lavorare insieme – ecco è il momento dell’american bar, la ragazza mi invita. Che faccio ci vado, e che partita sto giocando? Parliamo della partita di ieri, del lavoro lei non beve perché ha già bevuto troppo ieri, mi invita al privè, io accetto…Parliamo tanto e poi la sua danza, il suo corpo su di me più volte strofina la gamba e il corpo sul mio cazzo, io spingo verso l’alto lo so che qui non si fa sesso ma voglio sentirlo duro, più duro che posso forse così posso vivere la partita, è il corpo che vince, la vita che c’è in noi e il modo di abbracciarla, di toccarla di accarezzarla, mi chiede di lei le dico che non va, non voglio pensarci troppo adesso è meglio abbracciarla e coccolarla, a tratti danza a tratti la bacio, la cullo, niente bocca lo so che è così però stiamo vincendo, vinciamo la musica e lo scorrere del tempo, no il tempo non si ferma i 20 minuti di privè – 30, ho tirato fuori altri 50 euro non morirò per questo – stanno finendo, la abbraccio riesco a farmi baciare su una guancia, mi chiede “come fai a uscire” e indica l’erezione, rispondo “è buio non mi vedono”…Chi vince, chi perde in questo incontro, ho cercato lei la sua simpatia, il suo calore ma adesso resto solo, mi avvolge la notte e il suo silenzio e il piede che da un mese mi dà fastidio ha ripreso a farmi male: e il cuore come sta, e lui, che quasi scoppia nelle mie mutande e non sarà succhiato da nessuno? Eh questi locali, queste sere così diverse e sempre uguali, e ho già fatto 30 anni e quando crescerò, e lei l’ho rivista stamattina chi vince, chi perde in questo viaggio continuo, in questi sospiri di desiderio in questa brama del corpo? Non so giocare, o forse sto giocando bene, la rivedrò in questo locale, le ho promesso che le porto la poesia scritta su di lei a momenti non ricordo quale sia, si dev’essere quella sull’abbraccio, sì era venuta bene…non so chi vince e non so chi perde, ma forse riuscirò ancora a far durare la partita.

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!