• Pubblicata il:
  • Autore: MOGLIE GIOVANE
  • Pubblicata il:
  • Autore: MOGLIE GIOVANE

Il vizo del gioco

Sono una donna di 27 anni, sono sposata da circa 1 anno e mezzo e solo mio marito lavora. So che quello che sto per raccontare a molti di voi potrà essere inverosimile ma è tutto vero. Innanzitutto parto con il mio racconto dicendo che viviamo a Pisa ma veniamo dalla Calabria. Mio marito lavora qui da 5 anni come operaio in una fabbrica e lo raggiunto dopo il matrimonio. Ho lasciato gli studi (e lo rimpiango) dopo la 3° media e perciò non ho mai trovato un lavoro sicuro e credo che rimarrò casalinga a vita. Nonostante la mia famiglia fosse monoreddito riusciamo cmq (con qualche sacrificio) ad arrivare a fine mese, e soprattutto con l’avvento dell’euro che ci ha un po’ tagliato tutti. Ho conosciuto mio marito all’età di 15 anni e da allora non lo + lasciato, l’unico difetto che aveva era quello delle carte da gioco, tanto, che quando eravamo ancora fidanzati fu costretto a pagare un debito di gioco con lo scooter regalatogli dal padre x i suoi 18 anni. Nonostante la lezione, lui continuava a giocare ed io mi incazzavo di brutto tanto che per un periodo di 15gg lo lasciai sperando che la smettesse. Poi partì per il militare e iniziai a vederlo una volta ogni 2/3 settimane. In quel periodo fece una conoscenza importante per la sua vita, una persona gli promise un posto di lavoro vicino Pisa e così a 21 anni, terminato il servizio di leva subito entrò in fabbrica. Io ero contentissima e anche lui lo era, solo che non ci vedevamo quasi mai a parte nelle festività e sapevo che lavorava anche di notte. In quel periodo mi convinsi che le cose erano cambiate e che finalmente il mio lui aveva messo la testa a posto. I miei all’inizio erano contrari al nostro fidanzamento, poi dopo la sua assunzione cambiarono idea e così a maggio 2003 lo sposato e mi sono trasferita da lui a Pisa in un appartamento in affitto. Sono sempre stata una ragazza semplice e non mi è mai piaciuto mettermi in mostra, magari con abiti scollati o tacchi alti a parte in occasioni importanti come matrimoni o altro. Le cose sembravano andar bene, invece verso la fine di aprile scorso mi accorsi che qualcosa non andava, mio marito lo vedevo un po’ depresso, gli chiedevo cosa fosse ma lui mi diceva che tutto andava bene e che era solo un po’ stanco. In effetti era da un po’ di tempo che lavorava solo di notte per poter guadagnare qualcosa in più e di solito il venerdì sera si riuniva con dei colleghi per uscire. Per me era tutto normale, lo fanno tanti uomini. Il problema è che in quei venerdì sera mio marito aveva ripreso a giocare a carte e stava accumulando dei debiti e per questo era depresso. Me ne accorsi perché un venerdì sera, era il 28 maggio, invece di uscire con gli amici mi propose una cena. Ricordo che quella sera era nuvoloso e pensavo che venisse a piovere e dissi che magari si poteva attendere qualche altra serata, ma lui insistette e così uscimmo e andammo a Tirrenia in un ristorantino molto carino sul lungomare e per l’occasione tolsi i miei soliti abiti monacali e indossai un bel vestito lungo bordeaux con dei vistosi spacchi laterali con decolté e copriabito rosso, un bel paio di autoreggenti nere a rete con sandali rossi con tacchi a spillo e con chiusura con cinturino alla caviglia e per intimo reggiseno e perizoma neri in pizzo, mio marito quasi svenne a vedermi così vestita, abituato a vedermi sempre catechizzata. Ricordo che mi sentivo osservata, era normale visto come ero vestita. Dopo cena verso le 23 ci fermammo a fare una passeggiata poi verso mezzanotte e mezza riprendemmo la strada di casa. Durante il tragitto di ritorno, mentre attraversavamo il Parco del Migliarino, la strada era deserta, un’auto sbuca all’improvviso da una stradina laterale e ci taglia la strada e solo la prontezza dei riflessi di mio marito riescono a fermare in tempo l’auto ed evitare l’urto. Mio marito abbassa il finestrino e gli dice qualche parolaccia e cerco di calmarlo, poco dopo scendono 3 uomini dall’auto, un brivido mi attraversa il corpo, pensando:- Stasera finisce proprio male -, 2 di loro fanno scendere mio marito a forza dall’auto, lo picchiano e iniziano a dirgli che deve saldare il debito a uno, l’altro apre la portiera e mi fa scendere, mio marito urla:- Lei non c’entra sono io che devo pagare il debito, lasciatela fuori -, uno di loro mi vede e dice:- E’ tua moglie? È una bella donna sai? E’ molto attraente, tanto per cominciare ci prendiamo un anticipo -, uno di loro fa mettere alla guida mio marito e si siede di fianco a lui ordinandogli di seguire l’altra auto, a me invece mi caricano sull’altra. Tento di divincolarmi inutilmente mentre si addentrano nel bosco e quando siamo ben lontani dalla strada legano mio marito all’auto mentre a me mi stuprano sull’erba. Una situazione che non auguro a nessuna donna è davvero disumano. Dopo circa 30 minuti mi vengono copiosamente addosso ed io stesa li che piangevo e mi disperavo come faceva anche mio marito. Dopo tutto slegarono mio marito e ci lasciarono là, ricordando a mio marito di pagare il debito entro il primo di giugno. Mio marito distrutto dalla vergogna si avvicina a me piangendo, io non volevo che mi toccasse, avevo conosciuto la cosa peggiore che potesse accadere ad una donna. Riuscimmo a tornare a casa verso le 2 del mattino e fino a casa non ci siamo guardati e parlati. Arrivata a casa mi tolsi quegli indumenti sudici e puzzolenti di liquido seminale, li gettai nella spazzatura e andai a farmi una doccia, mio marito nel frattempo non sapeva cosa fare e dire. Io tornai a piangere durante la doccia. Quando uscìì andai da mio marito a chiedergli spiegazioni e mi raccontò tutto, dicendomi che doveva restituire 20000€ a un boss. Sul conto corrente non avevamo molto, solo 5000€, dovevamo trovare gli altri 15000€, solo che non c’era molto tempo, così mio marito per avere un’altra proroga il lunedì successivo va in banca e preleva 4000€ e la sera stessa si incontra col boss dandogli i soldi + la nostra auto che aveva un valore approssimativo di 6000€. All’appuntamento andai anch’io, anche se mio marito non voleva, e ritrovammo i 3 uomini dello stupro con il boss, un uomo sui 50 anni, brutto e pelato. Il boss disse che rimaneva da pagare altri 10000€, mio marito chiese una proroga almeno fino alla fine di giugno, il boss fu contrario, poi uno degli uomini disse qualcosa nell’orecchio del boss che col sorriso sulle labbra disse:- Ho una proposta da farti! I miei uomini mi hanno detto che tua moglie è davvero una gran porca a letto!! Gli altri 10000 che mi devi li farai scontare a tua moglie, farà la zoccola per me fino a debito estinto! E ora, prima di metterla in strada voglio provare la carrozzeria -, guardai mio marito e dissi:- E’ l’unica cosa che ci può salvare, tu mi hai messo in questa situazione e ora te la tieni -. I 3 uomini fecero sedere mio marito e 1 di loro disse:- Goditi lo spettacolo, cornutone!!! -, e il boss iniziò a spogliarmi e dovetti fare tutto ciò che mi chiedeva, dandomi continuamente della puttana non potendo fare a meno di godere, mentre i 3 guardiaspalle insultavano mio marito dandogli del cornuto e dicendo:- Guarda come scopa quella zoccola di tua moglie, è proprio una gran porca sta godendo alla grande, si vede che non ha mai goduto così - e quando il boss terminò la sua performance mi fece bere il suo sperma e ingoiai tutto con piacere, e dopo, non contento mi fece scopare anche dai 3 guardiaspalle che ci diedero dentro trapanandomi alla grande facendomi sentire una gran puttana continuando ad insultare me e mio marito e anche loro mi fecero ingoiare tutto, fino all’ultima goccia, con mio marito che guardava impietrito e schifato di fronte a tutto ciò. Da quel giorno tutte le sere cominciai ad andare a battere in strada sulla litoranea tra Marina di Pisa e Tirrenia, mentre mio marito andava a lavorare solo di notte per far sì che guadagnasse qualcosa in modo da poter farmi smettere di battere al più presto possibile. Sono stata in strada a battere x 2 mesi, in pratica giugno e luglio, e ho scopato con tantissimi uomini di varie età e anche con americani negri appartenenti alla base militare qui vicino e per far soldi quanto prima accettavo anche orgie con 4 o 5 uomini, in media ogni serata guadagnavo circa 200€. Ma a volte guadagnavo anche 100€ o 300€ dipendeva dalla serata. Dopo aver saldato il debito, il boss mi lascia andare come d’accordo e sono ritornata alla vita normale (o quasi) e mio marito ha imparato la lezione una volta per tutte. Intanto io come dicevo sono quasi tornata alla vita di tutti i giorni, infatti dopo 2 mesi carichi di cazzi in tutti i buchi, ho smesso definitivamente di indossare abbigliamento monacale per quello più scollato con gonne corte e tacchi alti e ho continuato a prostituirmi, ma stavolta in privato e di nascosto da mio marito, in pratica quando lui fa il turno di notte, aprendo un libretto postale dove vado a depositare i miei guadagni.

Vota la storia:




30/11/2005 19:01

nervo

Ma vffnculo, sei una patetica mitomane. scopa di + e fantastica di meno...

29/11/2004 20:09

piero

complimenti troia perche non ci fai vedere anche quanto sei bella in foto?

27/09/2004 16:11

Matteo

Perché non mi racconti qualche altra storia in privato? E magari quando tuo marito è di turno notturno... ;-)) Ciao!

25/01/2005 16:01

fede

complimenti!!!!mi mandi una foto?? non si sa mai magari vengo a trovarti.ciao e grazie

23/03/2007 12:11

solo io

una grande cazzata

22/09/2005 18:30

alex

salve signora mi dspiace per quello che le e successo ma adesso che ha voltato pagina e lo fa per mestiere sarei lieto di farle un bel lavoro.

17/04/2014 16:33

paolo

bello vorrei trovarti ,e farti raccontare un altro episodio mentre passeggiamo per strada vestita con mini abito e calze autoreggenti e tacco a spillo alto e poi ....immagina

15/09/2004 18:43

alex

sembra la trama di un film! comunque tutto cio mi sembra molto realistico! Ti posso garantire che non sei più porca di tutte le altre donne! forse avrei visto più giusto che se vuoi soddisfare le tue fantasie e i tuoi sogni sessuali, non mettere in mezzo la prostituzione(sesso a pagamento) sempre se non hai dei problemi finanziari in questo caso ok. comunque se mai leggerai questo commento sappi che mi hai intrigato come nessuna e riuscita mai! e sono disposto a venire fino a pisa per te! p.s. io sono un tipo che ama soddisfare ogni desiderio della donna con cui scopo ma al tempo stesso amo essere coccolato e coccolare con la lingua e con le mani tutto il corpo, ma soprattutto amo essere violentato!!! spero tu legga il mio commento e che tu abbia voglia di farmi guidare fino a pisa per incontrarti!

07/09/2004 20:03

xxx

sicuramente hai piu testa di tuo marito complimenti e tanti auguri ciao

06/09/2012 12:03

antonio

vorei scoparti io bella troionaaaaaa sono siciliano contattami

05/11/2004 12:05

fram

sei una gran porca...anchio sono della calabria!!! qndo scendi ci potremmo incontrare cosi ti faro' godere alla grande... CONTATTAMI....CIAO MAIALONA

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!