• Pubblicata il:
  • Autore: Fododo
  • Pubblicata il:
  • Autore: Fododo

Jogging che piacere....

La storia che sto per raccontarvi è successa veramente nel mese di maggio/giugno di quest'anno nell'entroterra della riviera veneta. Con mia moglie io per lavoro e lei per farmi compagnia ci eravamo spostati dalla ns. Bergamo nei d'intorni di Caorle perchè la ditta in cui lavoro aveva da ultimare un complesso edilizio in zona e quindi avevano affittato un appartamento sul posto. Mia moglie causa la cassa integrazione dove lavora mi aveva raggiunto. Lei è Franca 36enne ragazza per bene esibizionista al punto giusto ben fatta grazie alla continua attività fisica (soprattutto la corsa che pratica dai tempi della scuola), alta 1.74 per 57 kg. un super culetto e una terza abbondante di seno. Come dicevo amante della pratica dello jogging anche lì dai primi di maggio la sua uscita quasi giornaliera la praticava. Per abitudine lei quando definisce un percorso che ritiene sufficiente lo pratica costantemente non amando i continui cambi di percorso, cosa che fece anche in questa occasione. Una sera dopo alcune uscite mi racconta che nel suo girovagare passa lungo la recinzione di una bella casa con piscina dove ormai aveva un appuntamento fisso con 2/3 signori sui 55/60 anni, tipi che hanno sempre affascinato mia moglie. Questi l'aspettavano tutti i giorni e all'inizio avevano cominciato con saluti ordinari, poi via via, anche grazie al fatto che Franca sentendosi lusingata, ci stava al gioco con piccole provocazioni o apprezzamenti un po' pesanti, che però alla cara mogliettina davano piacere. Difatti la sera quando mi raccontava cosa gli dicevano o il fatto che in bicicletta per alcuni tratti l'accompagnavano la rendevano particolarmente eccitata. Tanto che una sera mi disse che invece dei soliti completini per andare a correre, aveva voglia di indossare un paio di pantaloncini corti (sembrano più un brasiliano da tanto sono di vita bassa e da come gli entrano nel suo culetto) ed una canotta molto aderente con dei bottoncini sul davanti. Vista la mia insistenza perchè lo faccia ha preso coraggio e si è così agghindata. Vi assicuro che i pantaloni bianchi idossati senza intimo e la canotta che metteva in evidenza le sue aureole dei capezzoli la rendevano una maiala incredibile. Ma vista la mia approvazione anche l'ultimo stadio della sua timidezza fu vinta ed il giorno seguente iniziò a fare allenamento così svestita. E' chiaro che al suo passaggio i due signori più assidui non le risparmiarono qualche complimento oltre il lecito, al quale lei rispose quasi incitandoli a seguirla. I due presa la bicicletta la scortarono fino a casa guardando continuamente quelle due tette che cercavono di uscire ad ogni sobbalzo dalla canotta e quel culo che era praticamente tutto esposto, per non dire delle labbra enormi della figa che a stento non si intravvedevano uscire dai lembi dei mini pantaloni.
La sera era ancora tutta infoiata tanto che il giorno seguente al passaggio lungo la siepe di recinzione i due la fermarono con la scusa di fargli vedere la piscina che avevano appena messo in funzione. Franca entrò, sbottonando tutti i bottoni della canotta in modo che i suoi seni ad ogni piegamento fossero ben visibili. Quel giorno quando arrivò a casa mi chiamo al lavoro dicendomi che non poteva aspettare la sera e che si stava sditalinando. La cosa mi fece prendere coraggio e la invitai a provar lasciarli liberi per vedere fino a che punto si sarebbero lasciati andare, ma lei come sempre non ne voleva sapere di farsi "toccare" da qualcuno che non fosse il sottoscritto, anche se ammetteva che i due baldi giovani erano due persone molto "affascinanti". Ma a volte il destino ti aiuta...... Infatti il giorno successivo, avevo deciso di andare sul parcheggio adiacente alla pedonale dove correva mia moglie per rendermi conto di chi fossero i 2 signori, e notai che ormai da qualche minuto i due stavano sulla recinzione. Vedo mia moglie arrivare che sapeva della mia presenza, sulla stessa ciclabile sta passando un bambino piccolo in bicicletta con la nonna. Al momento dell'incrocio con mia moglie il piccolo perde l'equilibrio e con la sua bicicletta invade la corsia dove sta arrivando Franca. Per evitarlo cade su di un fianco nell'erba. I due escono immediatamente a soccorrere la malcapitata, la quale si era procurata una sbucciatura a livello del ginocchio e nella parte alta della coscia. La vedo seduta che si sta guardando il ginocchio con gli altri due davanti che immagino gli stessero osservando la figa e/o le tette. L'aiutarono ada alzarsi, con il dichiarato intento di poter finalmente con la scusa di sorreggerla, appoggiare le mani sul culo e da come si vedeva anche sul seno. La cosa mi stava eccitando, soprattutto quando mi resi conto che anche mia moglie stava fingendo oltre quello che era il vero dolore. Più tardi mi raccontò che entrati in casa, la accompagnarono in bagno per ripulire il terriccio che il sudore aveva trattenuto e nel fare questo, non risparmiarono di metter le mani su tette e culo. La cosa aveva agitato mia moglie che si lasciava fare tanto che stesa sul lettino si faceva ripulire anche se non serviva all'altezza della figa. La cosa la eccitava tanto che nel momento in cui il più furbetto le infilò un dito nella fessa lei sporse in avanti il bacino e lo incitò a continuare. Di lì a poco si trovò con una sapiente lingua che esplorava la sua fica ed una bocca appesa alle sue tette completamente scoperte. Si lasciava fare la troia tanto che alla vista dell'uccello del primo signore non ci mise molto a prenderlo in bocca. L'altro nel frattempo continuava la sua opera di visita alle grandi labbra portandola al suo secondo orgasmo. A quel punto decise di far contenti entrambi ed iniziò un doppio pompino con sborrata in faccia in contemporanea. Uscì con addosso ancora la sborra dei due e tornò a casa spaventata ma allo stesso tempo contenta....

Vota la storia:




15/01/2012 22:57

Maurizio

...piacerebbe anche a me conoscere la tua mogliettina!

01/10/2011 07:02

ganzo

fatti meno seghe e esci atrovare un po' di figa sparapalle

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!