LA MISTRESS MI STRESSA – parte terza - Roma - La Spezia Trasgressiva

LA MISTRESS MI STRESSA – parte terza - Roma - La Spezia Trasgressiva

Si sono trasferiti in salotto, lasciando la porta aperta perchè sentissi tutto. - E quello chi cazzo è, il tuo nuovo schiavo? - Sì... viviamo insieme nei fine settimana... - Ah sì? Allora fagli mettere le mutandine rosa, che poi mi scopo anche lui... Ha detto lo stronzo, ridacchiando. Hanno parlato molto tra loro, ma a voce più bassa, così non ho capito tutte le parole. Ma una cosa l'ho capita benissimo, che con lui non faceva la mistress anzi, lo ha montato come una escort qualunque, su una banalissima sedia. Era lui a comandare i movimenti delle sue chiappone in su ed in giù, immaginavo la figa slabbrata di Virna salire e scendere sul suo cazzo rigido e venoso, mentre godeva e si faceva succhiare le tette da un coglione qualsiasi. Nooo, non lei... non la MIA padrona Mentre lei veniva e lui le eiaculava dentro, ho gridato con eleganza che il pranzo era pronto. Sono tornati in cucina mezzi nudi e sporchi di liquido seminale. Io li ho accolti in lingerie color rosa come era stato richiesto dallo stronzo. Ho chiuso la porta e mi sono chinato per leccargli di nuovo i testicoli. - Non vedo piatti pronti... Se fa davvero tutto quello che vuoi, digli di portarci immediatamente qualcosa di buono da mangiare. Altrimenti me lo inculo appena mi torna duro... - Non preoccuparti, farà ogni cosa che gli ordino.... - Ho fatto il minestrone di verdura, padrona... è quasi pronto... Con il lettore CD, ho messo come sottofondo “Non me lo so spiegare” di Tiziano Ferro. Sorridendo, l'ho legato alla sedia della cucina accarezzandogli il pene flaccido e sporco di umori vaginali. - Bravo, bravo schiavetto... Se il tuo minestrone è buono, forse te lo metterò in culo...

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, clicca qui

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI