• Pubblicata il:
  • Autore: Francesco
  • Pubblicata il:
  • Autore: Francesco

Rossella, la vicina (2)

Dopo quella magnifica scopata sono passate diverse settimane senza che io e Rossella ci incontrassimo. Circa dieci giorni fa però sento suonare al campanello e vado ad aprire: è Franco, suo marito, e al solo vederlo mi eccito ripensando a cosa ho combinato a sua moglie qualche tempo fa. Lui, che evidentemente non sospetta di nulla, mi chiede se nel fine settimana posso dargli una mano ad imbiancare casa; certo, rispondo, non c’è problema. Così sabato scorso vado a casa M. indossando i pantaloncini più attillati che ho e sperando che in qualche modo capiti l’occasione per chiavare ancora Rossella. Stavolta lei non è vestita in modo provocante come la volta scorsa: indossa un prendisole verde da casalinga e delle ciabatte con la zeppa; niente trucco. Non sarebbe per niente desiderabile se non avessi in mente tutto ciò che è successo la volta scorsa in quella casa.
La mattina passa, mi fermo a pranzo da loro e nel pomeriggio si riprende a lavorare. L’insospettabile troia continua a passare vicino a noi che lavoriamo: io cerco in ogni modo di farle vedere il mio pacco e lei stavolta, tutt’altro che imbarazzata, lo guarda vogliosa; anche col marito davanti le lancio degli sguardi da maiale, ma Franco non sembra accorgersene.
Finalmente succede qualcosa: la pittura finisce e Franco dice che magari è meglio continuare domani; l’eccitazione mi annebbia il cervello e mi fa rischiare: se vai a comprarla ti aspetto e riprendiamo subito così magari riusciamo a finire in giornata, gli dico. Lui accetta e mentre faccio finta di pulire qualcosa lui si prepara per uscire; sto per scoparmi sua moglie e voglio godermi tutti i momenti: mentre lui si prepara io guardo ormai Rossella come se lui non ci fosse (ormai ho capito che non si accorge di niente!) e al culmine della sfrontatezza quando lui dice che torna subito gli rispondo che può fare con calma, che tanto io qualcosa da fare la trovo …. E così, appena esce, è ancora sul pianerottolo del secondo piano che aspetta l’ascensore io mi sono già spogliato e sono sdraiato sul letto con un cazzo durissimo tra le gambe. Rossella al posto di allarmarsi per la mia sfrontatezza mi raggiunge in camera da letto: sono sporco e sudato e anche ciò contribuisce ad eccitarmi. Appena entra Rossella le apro il vestito strappandole tutti i bottoni sul davanti e mi accorgo che la puttana non indossa ne mutande ne reggiseno: che troia! È stata praticamente nuda tutto il giorno col marito e il vicino che se la chiava a stretto contatto… in pochi istanti le sono sopra che la chiavo godendo in maniera sguaiata e rumorosa: voglio che anche i vicini ci sentano ! Ormai lei sa cosa mi fa eccitare maggiormente e mi accontenta: mentre la fotto non fa altro che ridere, urlare e parlare male del marito dandogli dell’impotente buono a nulla. L’idea che il marito possa rientrare e sentire tutto (noi non lo sentiremmo perché la camera da letto è in fondo e poi stiamo facendo veramente troppo rumore) non fa altro che aumentare la mia eccitazione facendomi scopare con più foga ma facendomi anche venire prima; ancora qualche colpo e … ah si si ah ah sborroooo …. Che scopata anche stavolta!
Ora ci rivestiamo; lei deve prendere un altro prendisole perché di questo le ho staccato tutti i bottoni ma la cosa non mi preoccupa, anzi, mi eccita ancora di più sapere che il marito sicuramente sospetterà ma non potrà avere nessuna certezza. Quando Franco rientra in effetti per un attimo guarda la moglie come se vedesse qualcosa di diverso ma non so se si accorge che lei si è cambiata ….
Quando vado via e saluto Franco con una stretta di mano e il mio sguardo fisso nei suoi occhi mentre mi dice grazie di tutto, sento di essere nel giusto: l’ho aiutato ma mi sono preso la giusta ricompensa !
L’ultima nota di questa storia: uscendo da casa di Franco e Rossella M. incontro il signore del piano di sopra: da come mi guarda capisco che ha sentito tutto e ha capito cosa è successo. Il ghigno che si dipinge sul mio volto non può che confermargli ciò di cui sospetta: non solo ho scopato la moglie al signor M. ma ora che è cornuto lo sapranno tutti … e grazie e soprattutto alle urla di quella troia di Rossella. Così lo umilia due volte …..

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!