• Pubblicata il:
  • Autore: Io_me
  • Pubblicata il:
  • Autore: Io_me

Sara

io anno 74, sara 77. Estate 1999.
tutti è due belli e "ambiti sulla piazza", io decisamente pronto ad andare con chiunque, lei timida con gli uomini. Una cosa in comune, tutti e due spesso "alticci" da alcol.
Luglio: genitori al mare, caldo in città, pariamo per la montagna.
tutto normale, come sempre, da buoni fratellini.
una sera usciamo con gli amici, lei completamente ubriaca, io mi baccaglio una ragazza giovane. Dopo la disco, la porto in auto a casa con mia sorella dormiente sui sedili dietro.
Scendo per "l'ultimo bacio" sperando in qualcosa di più (do solito dispensa pompini volanti nei box del suo condominio) ma non ottengo nulla.
Eccitato ma deluso torno in auto: Sara dorme, la prendo in braccio e la porto in casa in camera sua.
Cerco di svegliarla per farla riprendere, ci riesco.
Mentre esco dal bagno, trovo la porta della sua camera aperta e lei barcollante, con seno di fuori e pantaloni alle caviglie, incastrata nella maglia.
Non l'avevo mai vista seminuda, alcool o non so cosa ho iniziato ad eccitarmi.
Mi sono avvicinato per aiutarla e le ho toccato un seno. Piccolo, una seconda, ma durissimo, pelle morbida, lei non capiva e non ha detto nulla.
le ho toccato un capezzolo, si è indurito. lungo, morbido. Avevo paura, e avevo voglia, tanta. Le ho chiesto scusa, ma a lei piaceva e non diceva di no. Non diceva nulla, ansimava. Ho preso un capezzolo in bocca e ho inziato a succhiarlo, con la mano le ho preso l'altro seno... ci siamo spinti sul letto e ci siamo baciati, la lingua di mia sorella nella mia bocca, non ci credevo, ero schifato ma eccitato. Lei voleva come me, mi tirava e mi stringeva, non voleva che mi levassi dalla sua bocca. Ho inziato a baciarla sulle spalle, sul collo, sono sceso sempre più giu fino a quando sono arrivato al tanga. Non sapevo che fare, era troppo, ma avevo voglia e anche lei voleva... ho inziato a leccarla la figa da sopra il tanga e sentivo già il suo profumo. Lei, con la mano, ha scostato il tanga e mi ha detto "leccala, ho voglia leccala". Ero stupito, non me lo aspettavo, lei voleva che la leccassi. Ha aperto le gambe, completamente, come le mie ragazze. Mi sono buttato con la lingua sulla figa ben rasata, era bagnatissima, aveva più volgia di me. Le leccavo e succhiavo il clitoride; le ho messo un dito dentro la figa, incredibile, era mia sorella... ho iniziato a leccarle l'ano, e le ho messo un dito dentro e lei era sempre più eccitata. Io avevo un cazzo durissimo, a avevo solo voglia di fottere mia sorella.... Lei mugola e mi dice "non farmi venire ora, scopiamo"... lei prende la pillola, quindi non perdo tempo e inzio ad avvicinare la mia cappella alla sua figa. Lei ferma, con le gambe spalancate e la le labbra aperte pronte a farsi aprire da me. Con i suoi gridolini di piacere mi eccito ancora di più, ci baciamo e ci rigiriamo, andiamo avanti per più di mezz'ora. Erano le 4.30 di mattina, e lei non voleva saperne di smettere. Lei sopra che mi cavalca, si ferma, e mi guarda neglio occhi dicendomi di metterglielo nel culo. Le chiedo sei sicura, e lei mi risponde che non aspetta che essere sverginata da dietro. Allora la faccio mettere giu, con la il suo bel culetto all'aria e inizio a entrare con un dito. Poi prendo un po di crema nivea per oleare il buco, un dito, due, quasi 3 e lei mi dice che è pronta ma vuole stare lei sopra. Mi metto sotto, lei mi prende il cazzo il mano e ci mette un o di crema nivea sopra. Poi si mette sopra e punta la mia capella sul suo ano, scende e spinge ma non osa fare forte. Piano piano inizia ad entrare e lei soffre, le vedo la faccia e lei soffre troppo, vorrei fermarmi per lei ma non ci riesco. Sto godendo troppo. Poi, all'improvviso si lascia andare e si fa penetrare fino in fondo. Urla ma dice che le piace, inizia a rilassarsi e fare su e giù, sempre più forte, sempre più veloce. Fino a farmi venire nel suo culo. Esausta, mi guarda e mi sgrida perchè non le ho permesso di berre la mia sborra. Si gira sopra di me, una 69, si prende il mio uccello non più duro in bocca e mi caccia la sua figa e il suo ano aperto e grondante della mia sborra sopra la mia bocca. Mi dice di bere tutta la mia sborra, sono ancora eccitatissimo e mi viene duro mentre bevo la mia sborra dal suo culo.
Mi fa un pompino incredibile mentre le lecco la figa. Veniamo quasi insieme, lei raccoglie tutto nella sua bocca e mi baccia, con la mia sborra che passa dalla sua bocca alla mia.
Incredibile! Esausta mi guarda, e mi dice che abbiamo ancora 3 gg per stare soli e si vuole divertire.
Ero di sasso, non avrei mai detto che mia sorella era così affamata. Sono passati più di 5 anni da quell'estate, oggi ho 30 anni e lei 27. Da qual gg le cose non sono cambiate.
Quando rimaniamo soli, "ci facciamo" di sesso, come due veri amanti.

Vota la storia:




25/06/2005 20:14

to

Che schifo!

24/07/2006 23:23

talcott

Non l'ho letta neanche tutta...sto per vomitare...mi fate solo schifo, fatevi curare!!

17/12/2005 15:55

angelo

alla faccia....chi è tua sorella?voglio conoscerla...

11/12/2005 14:23

Massimo

Se fosse veramente vera questa storia sarebbe uno spettacolo.... é una bella storia, scritta bene dal il senso di una vera sana e bella scopata. Se me la passi te la chiavo per bene anche io a tua sorella:):) Aspettiamo tutti la conferma, è vera o no??

09/11/2005 20:40

meno

ma e' vera?

05/05/2012 23:56

Expert

Non sono il solo peccatore, anche tu ti sei fottuto la sarella, io lo faccio da circa sei mesi ma ho tantissima paura di venire scoperti, e a chi critica l'amore tra fratelli sbaglia di grosso, è la cosa più sublime che possa accadere ad un uomo (io ho 32 anni lei 14)

04/12/2006 18:49

brucaliffo

bella ma non puo essere vera a meno che lei non sia una pevertita!!!!!!!!!!!!!

03/03/2005 08:56

an

OK!

03/01/2005 15:05

david

bella storia ma non ci credo!!!!

01/10/2005 10:47

michele

la più bella storia che ho letto su questo sito,sarebbe bello che fosse vera...

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!